Asse Caserta-San Pietroburgo: dalla Reggia all’Ermitage

Da una parte i Borbone dall’altra  i Romanov. Da una parte l’architetto Luigi Vanvitelli  e  dall’altra l’architetto Bartolomeo Rastrelli. Carlo di Borbone versus Caterina la Grande. Caserta e San Pietroburgo.reggia caserta

In poche parole: Reggia di Caserta ed Ermitage. Chilometri e chilometri di distanza eppure due realtà più vicine che mai da mercoledì 2 febbraio 2017, giorno in cui è stato firmato un accordo quadriennale, nelle sale del Palazzo d’Inverno, sulla Neva, tra il direttore della Reggia di Caserta, Mauro Felicori e il direttore generale dell’ Ermitage, Michail Potrovsky.

Il Museo della zarina Caterina che conta più di tre milioni di opere e l’opera vanvitelliana, patrimonio dell’ UNESCO dal 1997 e da circa un anno,  dalla nomina del dottor Felicori, al centro di un progetto di rilancio e rinnovamento, si sono avviati, così, ad un rapporto sinergico e di intensa collaborazione che prevede grandi mostre,  restauro, convegni, ricerche, sviluppo di sistemi di fruizione dei Beni Culturali, scambi d’informazione e di opere.

Si pensa alla possibilità di esporre a San Pietroburgo la collezione di opere d’arte contemporanea  Terrae Motus, lasciata dal collezionista e gallerista Lucio Amelio al complesso vanvitelliano e attualmente in esposizione presso lo stesso. La collezione   annovera opere di artisti di rilievo internazionale quali  Andy Wharol, Keith Haring, Tony Gragg, Gilbert e Georg, Mimmo Paladino, Michelangelo Pistoletto, Emilio Vedova, chiamati  a confrontarsi  con il dramma del terremoto che colpì la Campania e la Basilicata nel 1980.

La collezione suscita la  particolare attenzione  dei discendenti dei Romanov che dal 2007 hanno avviato il progetto Ermitage 20/21 con lo scopo di studiare, esporre e collezionare le opere del XX e XXI secolo, specchio della cultura contemporanea.

Non solo un semplice accordo dunque, ma una nuova relazione internazionale foriera di interessi scientifici e culturali che rilanci l’immagine di Caserta e della Reggia in Europa e nel modo e che soprattutto faccia della Reggia casertana e del Museo russo, mete privilegiate del turismo internazionale.

Maria Rosaria Pianese

 

photo credit: SDB79 Foto via photopin (license)