Premio Internazionale di Poesia “I versi non scritti…” 2019 – I FINALISTI

Pubblichiamo, di seguito, in ordine puramente alfabetico i nominativi dei finalisti di ogni sezione del premio Internazionale di Poesia “I versi non scritti…”.

Tra questi finalisti c’è il vincitore del Premio Internazionale di Poesia “I versi non scritti…”. Siete pronti a scoprirlo?

Sez. A – Poesia Inedita Italiana

Carla Maria Casula

Nata a Sassari nel 1975, vive ad Alghero. Giornalista pubblicista, è esperta di cultura della Sardegna e linguistica sarda, in particolare dei fenomeni morfologici e fonetici.
Specializzata in recensioni a sillogi poetiche e singole liriche e curatrice di prefazioni, ha all’attivo cinque raccolte di poesie in lingua italiana:
Scialli di luna” (Nemapress, 2002), “Parole all’orizzonte” (Nemapress, 2005), “Frammenti d’inchiostro vagolanti” (Albatros – Il filo, 2010), “La rosa: petali e spine” (Nemapress, 2016), e “Tacciono i gigli d’acqua” (Vitale Edizioni, 2016).
Ha ottenuto oltre 100 riconoscimenti in concorsi letterari regionali, nazionali e internazionali e le sue liriche sono presenti in numerose antologie, tra le quali l’Enciclopedia di Poesia Contemporanea (vol. 6) edita nel 2015 dalla Fondazione Mario Luzi e l’Enciclopedia dei Poeti Contemporanei, pubblicata dalla Aletti nel 2017.

Carmela Chiro – bio n.d.

Salvatore Grieco

Nato nel 1957 a San Marco, frazione di Santa Maria a Vico, in provincia di Caserta, risiede in Prato. Fin dall’adolescenza ha avuto una forte vocazione per la poesia e la narrativa, ma solo nel 2003 ha cominciato a partecipare ai premi letterari.
Nel 2012 ha pubblicato il romanzo: Verginità. Nel 2017 la silloge: Distanze. Nel 2018 il romanzo: Angelo Ribelle e nel 2019 ha pubblicato il suo terzo romanzo: Stagione di Pianto.
Nel corso della carriera letteraria è stato centotrentasette volte finalista nei concorsi di Narrativa e Poesia. Tra i numerosi attestati di riconoscimento conferitigli, oltre a un elevato numero di Diplomi di Merito, Diplomi d’Onore, Menzioni Speciali, può vantare con fierezza di aver elevato al cielo: un primo premio assoluto per la poesia; due primi premi per la Poesia; quattro secondi premi: due per la Narrativa e due per la Poesia; nove terzi premi suddivisi in sei per la Poesia e tre per la Narrativa.
Non poche sue poesie e racconti sono stati pubblicati in prestigiose Antologie Letterarie.

Nunzio Industria

La sua formazione istituzionale è conchiusa in due diplomi tecnici.
In forma autodidattica sedimenta oltre mezzo secolo di letture, a matrice tecnico-scientifica nella prima parte e umanistica nella successiva. Gli studi umanistici focalizzano la narrativa classica settecentesca e ottocentesca. Tra i preferiti, su tutti: Tolstoj, Dostoevskij, Wilde, Verga, Pirandello, Proust, Flaubert, Hesse, Goethe.
L’interesse per la poesia risale al periodo della prima maturità, anni novanta, inizialmente generalizzato, poi mirato agli autori del novecento, con particolare focus alla forma metrica haiku, approfondimenti alle opere di Ungaretti, Dickinson e successivamente Antonia Pozzi.
Le prime composizioni iniziano nell’estate 2014 in forma di poesia haiku, mentre al successivo autunno risalgono le prime composizioni poetiche in forma di versi sciolti, con sporadici excursus nel genere fiabesco, aforistico e fotografico.
Selezionato in circa cento antologie collettive, nel curriculum artistico l’autore presenta circa trecentocinquanta conferimenti letterari ricevuti ai vari livelli di merito.
Opere edite: Lumi di-Versi – La Lettera Scarlatta Edizioni (aprile 2015).

Donato Oronzo Maglio

Nato a Tricase nel 1984 e residente a Cutrofiano in provincia di Lecce, laureatosi in Scienze Giuridiche presso l’Università del Salento con una tesi in Diritto Canonico, ha seguito master in Criminologia Forense e Grafologia Applicata.
Dal 2011 pubblica testi e studi sulla Shoah e sulla Seconda Guerra Mondiale.
Con Akádemos edizioni ha pubblicato, infatti, PioXII. Il Pastror Angelicus nei documenti e nella stampa dell’epoca nel 2012, Clero e Shoah, “Giusti tra le Nazioni” e “Giusti” non ancora riconosciuti nel 2014 e Dalle teorie antisemite alla Shoah, L’Olocausto in pillole nel 2016. Sempre nel 2016 con edizioni Mastergraph, ha pubblicato il libro storico-artistico Dal Fronte
Russo, Cutrofiano fa memoria
. Nel gennaio 2018, sempre con Mastergraph, il volume storico- artistico, Testimonianza dalle Foibe Il linguaggio degli occhi e del cuore. A gennaio di quest’anno ha pubblicato il volumetto storico-artistico dal titolo Olocausto tra le Immagini, edito Torgraf.
Autore della poesia Auschwitz e del racconto inedito dal titolo Anche ad Auschwitz nascono i fiori.

Michele Marra – bio n.d.

Antonio Sbarra

Nato a Benevento nel 1945 e dopo aver conseguito la Laurea in Lettere si è trasferito a Cortona (AR), dove ha insegnato Materie Letterarie negli Istituti di Istruzione Secondaria Superiore per quasi 40 anni. Di recente, ha partecipato con una sua produzione letteraria di varia natura a numerosi Concorsi Letterari Nazionali e Internazionali, cogliendo lusinghiere valutazioni e premiazioni.
Nel 2017 ha pubblicato, per i tipi della Edizioni Helicon di Arezzo/Poppi, una raccolta di nove suoi racconti dal titolo “Ennealogia dell’Antropocene” contenente racconti quasi tutti del genere Fantascienza, cui egli è legato sin da ragazzo.

Laura Vargiu

Nata ad Iglesias nel 1976 si è laureata in Scienze Politiche presso l’Università di Cagliari discutendo una tesi in Storia e Istituzioni del mondo musulmano. A seguito della sua partecipazione ai concorsi letterari, è presente con racconti e poesie in numerose raccolte antologiche nazionali. Ha pubblicato: “Il cane Comunista e altri racconti” (2012), “Il viaggio” (2015) “La Moschea” (2015), “Viaggi – Racconti mediterranei” (2016) e “I cieli di Gerusalemme e altri versi vagabondi” (2016).
Tra i vari riconoscimenti ottenuti, il primo posto per la sezione poesia singola alla XXVIIa edizione del Premio “La Mole” di Torino (2013) e una menzione d’onore per un racconto finalista al I° Contest Letterario Carlo A. Martigli (2014).


Sez. B – Poesia in Dialetto

Angelo Canino

Nato ad Acri (CS) nel 1960, sposato con Fiorella, 2 figli Nicola e Marianna.
Diplomato all’IPSIA di Acri, dal 1985 è impiegato presso gli uffici dell’ARSSA di Cosenza. Da sempre appassionato del dialetto, inizia a dare alle stampe il primo lavoro nel mese di Dicembre 2009 con il volume “Ad Acri si parla così”, un vocabolario acritano – italiano composto da oltre 7.000 lemmi in dialetto con traduzione a fronte. Seguono altre sette pubblicazioni di poesie in vernacolo (Storielle rimate in vernacolo acrese (2010), Rimannu vi cuntu (2011), C’era na vota (2013) e Assettàtivi ca vi cuntu (2015), Profumi e cosi antichi (2016), Tìampi juti e ttìampi e mò (2017), U nonnu mi dicìa (2018).
Tra i tanti concorsi cui ha partecipato numerosi sono stati i riconoscimenti ricevuti tra cui: 28 Primi Posti, 34 Secondi Posti, 28 Terzi Posti, e oltre 150 premi minori ottenuti in divrse regioni. Nel 2014 si è classificato 4° con Menzione D’Onore al Premio Letterario Internazionale EUROPA di Lugano (Svizzera). Nel 2015 gli è stato conferito il Premio alla Carriera dall’Associazione GueCi di Rende (CS) e nel 2018 dall’Associazione Culturale e Teatrale Luce dell’Arte di Roma e il Premio alla Cultura dall’ Associazione Culturale Onlus “La Rabbia e l’ Amore” di Casoria (NA).

Roberto Colonnelli


Nato ad Acquapendente in provincia di Viterbo nel 1964. Vive nell’alta Tuscia Laziale, scrive per fermare le emozioni di un attimo. Così le sue poesie sono uno sguardo, una fotografia contemplativa sulla vita e sulle sue manifestazioni concrete, colte dall’anima durante il suo viaggio esistenziale, oltrepassando la caducità della vita, dell’esistenza vissuta e arrivano a togliere quel velo di tristezza riconoscendo al sentimento dell’Amore e alla solidarietà umana quei significati in cui credere e lottare, senza tralasciare l’ovvio e trascurando i timori. Tra le altre attività spicca come attore amatoriale nella compagnia Retropalco di Acquapendente.

Teresa Commone

Nata ad Orta di Atella nel 1950, è laureata in Filosofia all’ Università degli Studi di Napoli Federico II, ex Dirigente Scolastico della Scuola Secondaria di II° grado, vive ad Orta di Atella. Ama scrivere poesie e realizzare video-poesie. Scrivere è per lei un’esigenza che nasce naturalmente, quando cattura momenti e frammenti della vita quotidiana tra passato e presente. E’ una forma di liberazione, perché le permette di giocare con il linguaggio e trasmettere le sue emozioni al lettore sperando di riuscire a emozionarlo attraverso i messaggi ricevuti.
Ha pubblicato due libri: La Porta Socchiusa (Terra del Sole Edizioni) e Mi riprendo la Vita Prosimetro (PubMe). È risultata vincitrice di vari concorsi poetici.

Aniello Dell’Aversana

Nato a Casandrino (Na) nel 1957, giovanissimo ha intrapreso la carriera militare nell’A.M.; Non è stato facile, nel suo ambiente, portare la poesia ma nel suo piccolo ha cercato e cercherà sempre di dedicare uno spazio a questa meravigliosa “espressione”. Premiato in vari concorsi, le sue opere sono state inserite in diverse antologie.

Paolo Landrelli

Nato nel 1957 vive ad Ardore Marina (RC) con la sua famiglia. Da circa 20 anni si diletta a scrivere poesie sia in vernacolo sia in lingua. Ha partecipato a premi ottenendo buoni risultati.

Gabriella Paoletti

Nata nel 1957 ha pubblicato tre libri in dialetto ed uno in italiano. È stata premiata dalla provincia di Macerata per i numerosi ottimi piazzamenti e riconoscimenti conseguiti in tutta Italia.

Giancarlo Secci

Nato a Nurri nel 1943. Laurea Magistrale in Filologie e Letterature classiche e moderne conseguita presso l’Università degli studi di Cagliari con una tesi bilingue sui premi Letterari in lingua sarda (vincitrice del premio Leopold Wagner per miglior tesi di laurea in sardo). Con Aracne ha pubblicato i seguenti libri bilingui: Femus cincu Fradis, Bintiseti poesias, Veintisiete poemas (sardo-spagnolo), Pertias de sermentu.

Rosa Speranza

Nata nel 1945 è attualmente pensionata. Ha lavorato come assistente amministrativa nelle segreterie scolastiche. Ha sempre amato scrivere e negli ultimi 15 anni ha cominciato a partecipare ai concorsi letterari vincendo, tra poesia e narrativa: 16 volte il 1° premio – 10 volte il 2° e 3° premio, oltre a numerose segnalazioni, menzioni d’onore e di merito.

Giuseppina Tavani – bio n.d.

Ciro Tranchese

Nato a Napoli nel 1986, vive a Pomigliano d’Arco ed è laureato in Lingue e Letterature straniere presso l’Università degli studi di Salerno. Nel 2016 ha pubblicato la sua prima raccolta di poesie in lingua napoletana e prossimamente sarà in uscita la seconda.

Sez. C – Poesia Edita Italiana

Sara Comuzzo

Nata ad Udine nel 1988 ha vissuto in Canada, Scozia, Australia, Nuova Zelanda, Africa, Irlanda e Inghilterra. Ha vinto il Premio Valerio Gentile con la raccolta di racconti Dove Nessuno Può Cadere (Schena Editore, 2014).
Ha pubblicato quattro raccolte di poesie: Mentre Loro Parlano di Non So Cosa (Thauma Edizioni, 2012), Siamo Sopravvissuti a Questo Inverno (Thauma Edizioni, 2014), Invecchiano Anche le Rose (Il Rio Edizioni, 2014) e Una Bellezza Lontana. Ha appena finito un master in letteratura moderna e studi di genere alla Sussex University, con una tesi sul teatro di Sarah Kane. Vive e lavora in Inghilterra.

Silvana Stremiz

Nata a Port Arthur, provincia dell’Ontario (Canada) nel 1960. Figlia di genitori Italiani (friulani) emigrati all’estero per lavoro, si trasferisce in Italia in età adolescenziale, si sposa e ha quattro figli. Ha una profonda sensibilità celata a tutti e ancora di più a chi ama.
Ha pubblicato, fra l’altro, La vita con i miei Occhi, Aletti Editore (2007); Un tempo Chiamato Vita, Edizioni del Poggio (2008); Sospiri Condivisi Edizioni PensieriParole (2009); Basta! Un urlo che squarcia il silenzio, Edizioni PensieriParole (2010). Fotogrammi di un sogno, Intermedia. (2014). Ti porterò con Me, Intermedia (2016); Un Groviglio di Me (2017); Tra le pieghe dei sogni racconti (2017); I Fiori del Coraggio (2018); La Vita con i miei occhi 12 anni dopo (2019).

Maria Grazia Vai

Padre Veneto e madre Siciliana, nata nell’ Agosto del 1964 e tutt’ora vive in una piccola provincia del Pavese all’interno del parco del Ticino. Presente con le sue opere  in diversi Reading di poesia, insieme alle figlie di Alda Merini (Emanuela e Barbara Carniti) e di Alessandro Quasimodo, figlio del Nobel Salvatore Quasimodo. Unisce la poesia alla musica e alla pittura nei diversi Vernisage , in collaborazione di artisti e compositori.


Sez. Speciale Scuola Secondaria

Assunta Cangiano, Gaia Caserta, Rita D’angelo, Simona Di Fraia, Gabriela Gargiulo, Marialaura Leanza Ferrara, Miriam Nocentini, Ginevra Puccetti, Simona Rosano, Anna Scala, Gaetano Schiavone, Simone Tessitore.

Sez. Speciale Scuola Primaria

Elisabetta Barbato, Giovanni Caserta, Rosy Della Volpe, Flavio Di Ronza, Luigi Diana, Giuseppe Galiero, Elena Improta, Lucia Marino, Giuseppe Tagliafierro, Nicola Tessitore, Flavia Veniti, Mario Zacchia.